Non ci sono articoli nel tuo carrello

Bollati Boringhieri

Vedi come Griglia Lista
Ordina per
Visualizza per pagina

Arte del descrivere. Scienza e pittura nel Seicento olandese.

8833911311

Torino, 2004. Cm. , pp. xviii-416, ill. 177 in nero n. t., br.

Svetlana Alpers ha scritto un libro di grande ambizione teorica: per la prima volta il rapporto tra scienza e attività artistica non è solo asserito, ma dimostrato. La storia dell'arte, dice la Alpers, si è costituita attorno a un grande fenomeno, l'arte italiana del Rinascimento. A sua volta la critica d'arte, in particolare l'iconografia e l'iconologia del filone Warburg-PanofskyGombrich, ha costruito le sue categorie per interpretare l'arte italiana del Rinascimento. Ma questa non è tutta l'arte né è identificabile con l'arte «nordica». L'arte italiana è narrativa, nel senso che dà consistenza visiva a quel che si trova scritto nei libri, nella storia sacra e nelle leggende degli antichi. L'arte nordica, e quella olandese in particolare, è invece descrittiva, nel senso che rappresenta la realtà così com'è. Il passaggio dalla forma italiana alla forma olandese di pittura ha per la Alpers ragioni culturali e sociali (nell'arte olandese non c'è un committente, ma un mercató per il quadro già fatto), e soprattutto scientifiche (una filosofia della natura «oggettivistica» e l'elaborazione dell'ottica kepleriana). L'incanto speciale del libro è nella duttilità con cui questo assunto teorico si piega agli aspetti più segreti e in apparenza più marginali della pittura olandese del Seicento: la presenza costante dei nuovi strumenti ottici, l'amore per l'illustrazione documentaria, la passione calligrafica e soprattutto cartografica, che culmina nelle grandi carte di Vermeer. E se Vermeer è il compendio e il vertice di questa civiltà figurativa, Rembrandt è l'antagonista, il grande isolato immerso in un suo sogno metafisico nel vivo di una società mercantile e in fondo epicurea, mai sazia di contemplare le meraviglie del visibile e di perseguirne, borghesemente, il possesso.

$45.05
Non disponibile

Dentro le cose. Ardengo Soffici critico d'arte.

8833913469

Torino, 2001. Cm. 22x15, pp. 416, br.


$28.45
Non disponibile

Idea. Contributo alla storia dell`estetica.

9788833916552
Torino, Bollati Boringhieri, 2006. Cm. 19x13, p;pp. xxxii-177, br.
$17.78
Disponibile su ordinazione

La fede negli astri. Dall'antichità al Rinascimento.

8833927640

Torino, 2007. 520


$23.71
Disponibile su ordinazione

La leggenda dell'artista. Un saggio storico.

8833911274

Torino, 2017. Cm. 22x14, pp. xx-151, ill. 24 in nero f. t., br.

In un libro che avrebbe fatto la delizia di Teofrasto, tanto ricca è la documentazione aneddotica che la sostanzia, Kris e Kurz si mettono sulle tracce dei caratteri genetici e determinativi della figura dell'artista, non solo nella civiltà occidentale, trovando nelle varie epoche e paesi consonanze sorprendenti. Campo d'indagine e banco di prova dell'analisi è appunto la tradizione aneddotica, che per l'Occidente risale almeno a Duride di Samo, discepolo di Teofrasto, e scende fino alle grandi raccolte biografiche settecentesche. Una tradizione che - mostrano gli autori - si svolge intorno ad alcuni poli fondamentali, ove si tendono a mettere in luce ben determinati aspetti della vita e della personalità dell'artista: umile origine, intervento di un caso fortunato, autodidattismo nativo, estro incontenibile. L'artista è anzitutto un "enfant prodige" baciato dalla sorte, estraneo ma innalzato dal basso al sommo della piramide sociale. E la sua è la vita bizzarra, trasgressiva di un bizzoso: che sceglie a volte la miseria, e a volte è adulato dai potenti; dipinge assorto nelle città assediate e s'immerge in zuffe coi rivali, in beffe al pubblico; è geloso delle sue opere e per un nulla le distrugge; lavora con foga incredibile, come Tintoretto, o si adagia nella contemplazione, come Leonardo. Insomma, la vita di un personaggio da leggenda che, nella varietà e imprevedibilità delle sue reazioni, racchiude e cristallizza il mistero di quella particolarissima forma di magia che è la creazione d'immagini.

 

$28.45
Disponibile su ordinazione

La strada bianca. Storia di una passione.

8833924045

Torino, 2016. Cm. 23x15, pp. 413, figg. in nero n. t., cart. e sovrac.

Una manciata di minuscole sculture giapponesi ha ispirato a Edmund de Waal Un'eredità di avorio e ambra. E una manciata di candidi detriti raccolta sul monte Kao-Ling, in Cina, spinge l'autore a esclamare «Questo è il mio inizio». L'inizio di un viaggio sulle tracce dell'«oro bianco», per raccontare la storia della porcellana. Qui lo seguiamo da Jingdezhen a Venezia, a Versailles, a Dublino, a Dresda, fino alle colline della Cornovaglia e ai monti Appalachi del South Carolina, mentre racconta la storia di una vera e propria ossessione per «il bianco perfetto». Lungo la strada incontra i testimoni della creazione della porcellana: tutti quelli che da quel bianco sono stati ispirati, arricchiti o afflitti; e dei tanti che hanno avuto la vita, il corpo e la mente spezzati dall'affanno della ricerca. L'autore percorre un millennio per arrivare ad alcuni dei momenti più tragici della storia contemporanea. Eroi o vittime dell'invenzione e della produzione del prezioso materiale, i personaggi più disparati: dagli imperatori cinesi ai loro schiavi; dall'elettore di Sassonia e re di Polonia Augusto II al piccolo alchimista da lui imprigionato perché produca quel materiale «semitraslucido e latteo, come i petali di un narciso»; dal farmacista quacchero che esplora le colline della Cornovaglia distratto solo dalla morte della giovane moglie; a Lenin e al suo intervento al Congresso dei lavoratori del vetro e della porcellana: «Questo bianco è una rivoluzione»; a Himmler, che allestisce a Dachau un laboratorio per la fabbricazione di statuine da regalare ai membri del cerchio magico di Hitler. In parte memoir, in parte racconto storico, in parte detective story, La strada bianca evoca la mappa di un desiderio legato all'arte, alla ricchezza e alla purezza. Con uno stile avvincente Edmund de Waal, ceramista di fama mondiale, racconta la sua passione per «l'oro bianco», cercando di capire come il fascino misterioso della porcellana, la sua fragilità e il suo colore abbiano ossessionato e condizionato per secoli le sorti di uomini, regni e filosofie.

 

$23.71
Disponibile su ordinazione

L'arte di costruire. A cura di Valeria Giontella.

9788833918822
Torino, Bollati Boringhieri, 2010. Cm. , pp. 477, br. e sovrac.
$53.35
Disponibile

L'arte nella storia 600 a.C. - 2000 d.C.

8833926841

Torino, 2015. Cm. 19x13, pp. 229, figg. 88 in nero n. t., br.

L’arte non è sospesa nel vuoto. Come scriveva T.S. Eliot, «quel che accade quando viene creata una nuova opera d’arte accade simultaneamente anche a tutte le opere che l’hanno preceduta». Ogni tassello che si aggiunge all’immenso patrimonio artistico dell’umanità ridefinisce la storia stessa e mette in prospettiva diversa ciò che era già stato creato. Arte e storia, uomini e capolavori, sono un tutt’uno nel fluire del tempo.
Tenendo tutto ciò sempre ben presente, Martin Kemp ha scritto questo impeccabile compendio di storia dell’arte, un’illuminante introduzione da cui partire per intuire la complessità della nostra immensa tradizione pittorica e scultorea. Dalla Grecia di Fidia agli affreschi pompeiani, dai mosaici bizantini all’incredibile Medioevo italiano, alla ritrattistica olandese, al Rinascimento e al Barocco; da Vermeer a Canaletto, da Goya a Turner, dalla scuola ottocentesca francese fino alla rottura novecentesca degli schemi, per giungere alle ultimissime installazioni artistiche a cavallo del millennio. Questo breve libro, incredibilmente denso di idee, è un meraviglioso tour de force artistico, ben congegnato, elegante e godibile: un libro prezioso e necessario per immergerci nella bellezza del nostro mondo.

$21.34
Disponibile su ordinazione

Le stelle. Credenza e interpretazione. Traduzione e cura di Maurizio Ghelardi.

8833922126
Torino, Bollati Boringhieri, 2011. Cm. 19x13, pp. xxxvii-122, ill. 48 in nero f. t., br. Il saggio prende in esame l'influenza dell'astrologia sul pensiero e sull'arte occidentale, partendo dalla scienza babilonese per giungere a Keplero e indagare, successivamente, le vicende relative all'imponente messe di studi germogliata attorno all'argomento fra la fine del XIX secolo e i primi decenni del successivo.

$22.53
Non disponibile

Piero della Francesca e l'assassino.

8833918150

Torino, 2007. Cm. , pp. 261, figg. 74 a col. e in nero n. t., br.

La Flagellazione di Piero della Francesca è senza dubbio uno dei dipinti più celebri del Rinascimento. Ma anche uno dei più enigmatici.
Chi sono infatti i tre misteriosi personaggi in primo piano, che non sembrano avere alcun legame con il martirio di Cristo? E perché l’evento è collocato in un contesto tutto quattrocentesco? La risposta di Roeck è che il dipinto nasconde una velata accusa di omicidio, costruita con i sottili strumenti artistici di cui Piero aveva piena padronanza e che gli permettevano di dialogare con i più eminenti umanisti e mecenati del suo tempo. Inserito in questo codice culturale condiviso, il dipinto alluderebbe all’omicidio di Oddantonio da Montefeltro, giovane duca di Urbino, vittima illustre di un attentato nel 1444.
Ma chi fu il principale beneficiario della morte del duca? In altre parole, chi poteva essere il mandante dell’assassinio? Attraverso una ricostruzione attenta alle fonti e sorretta da una rigorosa analisi formale, l’autore si mette sulle tracce dell’assassino di Oddantonio e del possibile committente dell’opera (naturalmente interessato a smascherarlo), guidandoci in un intrigante viaggio nel mondo delle corti rinascimentali.

$26.08
Non disponibile

CASE D'ARTISTA. Dal Rinascimento ad oggi. A cura di Eduard Huttinger.

9788833907024
Torino, Bollati Boringhieri, 1992. In-4?, pp. xxiii-265, numer. ill. in nero n.t, tela e sovracop.
$142.27 $71.14
Non disponibile

L'arte di C.G. Jung.

9788833932026
Torino, Bollati Boringhieri, 2018. Cm. 24x28, pag. 276, fig. in nero e a col, ril e sovrac.
$71.14
Disponibile su ordinazione

Kabbalah. Il segreto, lo scandalo e l'anima

9788833933368
Torino, Bollati Boringhieri, 2019. Cm. 14x22, pag. 274, tav. a col e in nero f.t., br
$29.64
Disponibile

La miniatura medievale. Una introduzione.

8833904091
Torino, Bollati Boringhieri, 2004. In-8¡, pp. 222, tavv. 32 a col. e figg. 210 in nero n. t., tela e sovrac.
$41.50
Disponibile