Votre panier est vide.

Gangemi

Voir comme Grille Liste
Trier par
Afficher par page

Albino Manca. L'officina di uno scultore dal mito di Roma al sogno americano. A cura di Giuliana Altea e Caterina Virdis.

8849218787

Roma, Gangemi, 2010. Cm. 24x30, pp. 206, tavv. e ill. a col. e in nero n. t., br.

Catalogo della mostra tenutasi a Roma nel 2010.
Il volume passa in rassegna, attraverso oltre ottanta opere fra dipinti sculture e oggetti d'oreficeria, l'intero percorso artistico di Albino Manca: personalità di spicco nel panorama sardo e romano della prima metà del Novecento. L'opera, riccamente illustrata è accompagnata da alcuni importanti contributi critici e da un ottimo apparato di schede critiche. Biografia e bibliografia, in appendice.

Testo inglese a fronte

€30,00
Disponible pour commander

Albrecht Durer e la teoria delle proporzioni dei corpi umani. In appendice l'edizione del 1591.

31254

Roma, 2007. In-8¡, pp. 254, figg. in nero n. t., br.


€24,00
Disponible pour commander

Ambra. Dalle rive del Baltico all'Etruria. A cura di Ida Caruso e Maria Anna De Lucia.

9788849225358
Roma, Gangemi, 2012. Cm. 24x22, pp. 96, figg. a col. n. t., br Catalogo della mostra: Roma, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, 2012-2013.
€20,00
En stock

Andrea del Sarto. Un San Sebastiano ritrovato.

8849226652

Roma, 2013. Cm. 30x21, pp. 63, figg. 50 a col. e in nero n. t., br.

 Il libro, dedicato ad una tavola attribuita al grande maestro fiorentino recentemente ritrovata in una collezione privata romana, s'inserisce in un rinnovato dibattito attorno a quella che è considerata l'ultima opera dell'artista: quel San Bastiano realizzato per la Compagnia fiorentina intitolata al Santo, detta anche “del Freccione”, di cui Andrea del Sarto (1486-1530) divenne membro nel febbraio del 1529. Il dipinto ha complesse vicissitudini storiche: già all'inizio del Settecento non si trovava piú sull'altare maggiore della cappella della Compagnia ma nelle disponibilità di un tal Filippo De Marchi, contro il quale la stessa Compagnia avviò una procedura legale per riprendere possesso del quadro. Da quel momento, del “… san Sebastiano di mano sua da'l bellíco in su …. fatto da Andrea con grandissima arte, sforzandosi la natura et egli quasi indovinando che quest'opere avessino a essere l'ultime pennellate ch'egli avesse a dare…”, come lo ricorda Vasari, si perdono le tracce. Ma dell'opera erano state certamente eseguite diverse versioni autografe - come testimonia anche un altro San Sebastiano attribuito al Sarto, reso noto dalla Guardia di Finanza nel 2011, citato in questo volume - secondo la prassi consolidata di riprodurre, per mano del capo bottega, le immagini che piú avevano riscosso il successo e l'attenzione del pubblico di allora, ovvero le grandi e medie istituzioni religiose e le famiglie nobiliari cittadine legate al mondo della nascente finanza.
Il volume è stato ideato nell'ambito di uno studio multidisciplinare che ha spaziato dall'esercizio classico dell'attribuzione su base stilistica e qualitativa alle indagini piú complesse nel campo della diagnostica non invasiva, della ricerca archivistica e del restauro conservativo.

€20,00
Disponible pour commander

Andrea Meldola fecit. Le stampe di Andrea Schiavone nelle collezioni romane.

9788849231557
Roma, Gangemi, 2015. Cm. 24x17, pp. 128, tavv. 27 in nero n. t., br
€20,00
En stock

Angelo Caroselli 1585-1652. Un pittore irriverente.

9788849220629
Roma, Gangemi, 2011. Cm. 24x17, pp. 191, ill. a col. e in nero n. t., br.
€24,00
Disponible pour commander

Antonio Sant'Elia. Manifesto dell'architettura futurista. Considerazioni sul centenario. A cura di Franco Purini, Lina Malfona, Monica Manicone.

9788849293654
Roma, Gangemi, 2015. Cm. 24x17, pp. 144, figg. a col. e in nero n. t., br.
€25,00
Disponible pour commander

Aperti per restauri. Il restauro di Venere e Amore del Guercino e dell'Allegoria della Fortuna di Guido Reni. A cura di Pio Baldi, Laura Cibrario, Fabiola Jatta.

8849231168

Roma, 2015. Cm. 24x22, pp. 96, figg. a col. e in nero n. t., br.

L'Accademia Nazionale di San Luca ha costantemente promosso attività culturali per la valorizzazione delle belle arti, fra le quali la massima cura va al restauro delle opere che costituiscono le collezioni accademiche. In questo volume si illustra, appunto, il restauro di Venere e Amore del Guercino e della Fortuna di Guido Reni presenti nelle collezioni dell'Accademia dal 1836 e, come spesso accade quando intervengono operatori formati presso l'Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro – le restauratrici Laura Cibrario e Fabiola Jatta – non sono mancate sorprese, novità, scoperte

€20,00
Disponible pour commander

Aqua et fontes. La strada azzurra verso Roma. Recuperi archeologici della Guardia di Finanza al Castello Caetani di Trevi nel Lazio. A cura di Tiziano Cinti e Mauro Lo Castro.

8849229684

Roma, 2014. Cm. 22x24, pp. 95, figg. a col. e in nero n. t., br.

Catalogo della mostra: Trevi, Castello Caetani, 2014-2015.

Il volume affronta il tema dell'acqua e delle acque. L'acqua in tutti i suoi aspetti costituisce l'elemento aggregante, dalla mitologia alle spettacolari evidenze che l'alta valle dell'Aniene offre al turista, per il quale il libro rappresenta non una guida, ma l'invito ideale a recarsi nei luoghi e a conoscerli direttamente. Un simile territorio, peraltro, è perfettamente confacente all'argomento, e figura variamente declinato e intrecciato con i recuperi e i sequestri della Guardia di Finanza: dall'inquadramento generale di natura didattica alle attestazioni epigrafiche, allo studio accurato della valle dell'Aniene fino alla località specifica di Trevi.

 

 

€22,00
Disponible pour commander

Architettura romanica pugliese. Il progetto e la costruzione in pietra portante dell'edificio per il culto.

8849231441

Roma, 2015. Cm. 27x22, pp. xxxvi-296, tavv. e ill. 424 a col. e in nero n. t., br.

Nelle chiese e nelle cattedrali romaniche della Terra di Puglia i modi di impiego della pietra locale assumono la dignità di un linguaggio architettonico. Questo libro affronta lo studio dell'architettura romanica pugliese partendo dalle sue forme e strutture in pietra portante e individua i paradigmi del muro e della campata come chiavi di lettura per la sua comprensione, sia a livello progettuale che costruttivo. I tipi di muro, i tipi di campata e le rispettive aggregazioni, riscontrate negli edifici esaminati, sono analizzati sulla base di tre filoni architettonici, appositamente calibrati per consentire la definizione dei fili conduttori tra le diverse soluzioni architettoniche analizzate. Si evidenziano, in particolare, i modi comuni di incremento dimensionale, di variazione dimensionale, di determinazione del sistema di copertura e di genesi della plastica secondaria, che costituiscono nel loro insieme un modus operandi virtuoso rispetto all'implemento dell'idea organica e muraria di architettura, sottesa agli edifici romanici di Puglia. I nodi stereotomici in pietra sono considerati come veri e propri paradigmi della costruzione, mettendone in evidenza l'importante ruolo nella concezione progettuale degli edifici. Attraverso i rilievi dei nodi costruttivi di maggiore interesse per diffusione e complessità, quali le volte a catino, i pennacchi e le cuffie, si presentano nuove ipotesi sulle pratiche del cantiere medievale, necessarie alla rispettiva realizzazione. La ricerca offre infine la codifica delle evidenze geometriche degli elementi costruttivi rilevati, in tecniche costruttive nuovamente trasmissibili.

 

 

€80,00
Disponible pour commander

Arte dolciaria barocca. I segreti del credenziere di Alessandro VII. Intorno a un manoscritto inedito.

8849231946

Roma, 2016. Cm. 30x21, pp. 206, ill. a col. e in nero n. t., br.

Questo è un libro singolare sull'arte dolciaria alla corte di papa Alessandro VII (1655-1667). Vi si invita a un affascinante viaggio storico-culturale intorno al credenziere Girolamo Mei e al suo manoscritto inedito, che contiene ben 211 ricette. Massimo Montanari nella sua presentazione ne parla come “frutto di una cultura europea che non conosce confini”, ma allo stesso tempo lo descrive come un documento prezioso che anticipa una germogliante realtà culturale di identità tutta italiana. Inoltre proprio nell'utilizzo dello zucchero, alimento principe del Seicento, individua “uno spazio magico” attraverso “insospettabili convergenze tra la cultura popolare e la cultura di corte”.
Ma il credenziere, chi era costui? Per la prima volta si racconta il suo ruolo strategico nel banchetto barocco, quale più precoce esempio di multitasking. Emerge cosí la figura di Girolamo Mei, che, per esprimere la magnificenza di papi e principi, allestiva con argenterie pregiate e cristallerie legate in oro credenze montate a mille piani, tali da suscitare ammirazione anche in Carlo Fontana, che ne lascia testimonianza nel suo Sontuoso Convito. Il manoscritto rivela i primi segreti per creare trionfi di gelo, di marzapane, addirittura di insalata e persino di ghiaccio e di zucchero. Questi meravigliosi capolavori effimeri erano talvolta disegnati da grandi artisti come Gian Lorenzo Bernini e Pietro da Cortona. Si propone una prima classificazione delle straordinarie sculture in zucchero per valorizzare questo aspetto di storia poco noto. Dalle pagine di questo volume emana il profumo irresistibile delle dolci squisitezze preparate dal nostro credenziere: “sciroppo di viole, ciambellette di pistacchi, conserva di fiori di lavanda, biscottini speziati”. Forse il vero valore di questo ricettario, finalmente sottratto alla dimenticanza, si trova tra le righe, dove si cela un linguaggio eloquente che parla di storia, economia, costumi, cultura materiale e persino di aspirazioni. Sembrano in apparenza soltanto ricette, mere indicazioni per preparare dolci prelibatezze, ma in realtà si tratta di pregevoli reperti, che non parlano solo di cucina, ma sono invece piccoli gioielli di conoscenza.

€38,00
Disponible pour commander

Bernini e la pittura. A cura di Daniela Gallavotti Cavallero.

9788849204896
Roma, Gangemi, 2003. Cm. 30x21, pp. 288, figg. a col. e in nero n. t., br.
€35,00
Disponible pour commander

Bernini e la Toscana. Da Michelangelo al barocco mediceo e al neocinquecentismo.

9788849202724
Roma, Gangemi, 2002. Cm. , pp. lix-210, figg. in nero n. t., br.
€25,00
Disponible pour commander

CALIGOLA. LA TRASGRESSIONE AL POTERE. Progetto e direzione scientifica di Filippo Coarelli e Giuseppina Ghini.

8849226836

Roma, 2013. Cm. 24x22, pp. 400, figg. a col. e in nero n. t., br.

Il volume chiude un biennale percorso di tutela, di valorizzazione e di ricerca che la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio ha compiuto intorno alla figura di Caligola. Come spesso accade, la fatalità si coniuga con eventi previsti e si sviluppa con metodo. L'avvio è del 2011, quando la Guardia di Finanza recupera un'imponente figura maschile in trono, riconducibile alla villa di Caligola sulle sponde del lago di Nemi; il ritrovamento ha risonanza immediata grazie ai mezzi di comunicazione, indubbiamente attratti dall'importanza dell'opera, ma anche dall'aura sinistra che da sempre aleggia intorno al personaggio dubitativamente in essa identificato, Caligola. Di questi nel 2012 ricorreva il bimillenario della nascita, circostanza che è parsa particolarmente consona per dare vita a una serie di iniziative svoltesi durante l'estate dell'anno scorso presso il Museo delle Navi Romane di Nemi, sotto la direzione di Giuseppina Ghini di questa Soprintendenza, che ha curato l'intera operazione, e presso i Musei appartenenti al Sistema Museale dei Colli Albani e Prenestini -Museumgrandtour. Il volume rende ragione di un segmento importante del percorso, in quanto costituisce la pubblicazione, in forma più ampia e approfondita e aprendosi a un numero di contributi maggiore, sia del numero monograficamente dedicato all'argomento da Forma Urbis nel dicembre 2012, sia del convegno tenutosi in quegli stessi giorni al Museo Nazionale Romano, Palazzo Massimo. Tale evento, reso possibile dalla disponibilità della Soprintendente Speciale per i Beni Archeologici di Roma, Mariarosaria Barbera, e del Direttore di Palazzo Massimo, Rita Paris, ha una ragion d'essere particolare, in quanto il Museo Nazionale Romano accolse, e continua a conservare ed esporre, alcuni materiali provenienti dalle navi di Nemi. L'ultima tappa è rappresentata dal restauro, dalla ricomposizione e dalla musealizzazione della statua: il Museo delle Navi Romane di Nemi, tra i più interessanti esperimenti architettonici italiani, deprivato delle navi bruciate durante la seconda mondiale, si arricchisce ora di un manufatto di magistero elevatissimo per tecnica e stile, che ispira un nuovo allestimento, ravvivato per qualche mese da significativi prestiti monetali da parte della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana e volto a mostrare in una cornice rinnovata la statuaria proveniente dal santuario di Diana.

€40,00
Disponible pour commander

Caravaggio e Mattia Preti a Taverna. Un confronto possibile. A cura di Giorgio Leone e Giuseppe Valentino.

8849230376

Roma, 2015. Cm. 27x22, pp. 111, tavv. e ill. a col. e in nero n. t., br.

Catalogo della mostra: Taverna, Museo Civico, 2015.

Il fascicolo mette a confronto il San Giovanni del Caravaggio, oggi alla Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Corsini con il grande dipinto della Predica di San Giovanni Battista eseguito da Mattia Preti - ultimo grande emulo del Merisi - per la chiesa di San Domenico a Taverna. Le due opere sono analizzate sia sotto il profilo storico-iconografico che sotto il profilo tecnico-esecutivo (aspetto quest'ultimo che ha messo in luce alcuni aspetti inediti di entrambe le opere). Due ampie note biografiche sui due artisti e la bibliografia, chiudono il volume.

€28,00
Disponible pour commander

Case Museo in Italia. Nuovi percorsi di cultura: poesia, storia, arte, architettura, musica, artigianato, gusto, tradizioni.

8849217995

Roma, 2010. Cm. 16x16, pp. 157, figg. a col. n. t., br.

Le case museo qui illustrate sono presentate come esempi di nuove tipologie (Case di uomini illustri, Case di collezionisti, case della "Bellezza", case testimoni di eventi storici, case volute da una comunità, dimore nobiliari, palazzi reali e luoghi del potere, case del clero, case a carattere etno-antropologico), in grado, ciascuna, di offrire al visitatore un percorso non ripetitivo e soprattutto di aprire finestre su differenti aspetti della cultura italiana: dall'arte all'artigianato, dalla musica alla poesia, dal gusto dell'abitare alle tradizioni gastronomiche.

€18,00
Disponible pour commander

Castel del Monte. Inedite indagini scientifiche. A cura di Giuseppe Fallacara e Ubaldo Occhinegro.

8849230994

Roma, 2015. Cm. 24x16, pp. 373, figg. a col. e in nero n. t., br.

Il volume raccoglie i contributi presentati al Primo convegno interdisciplinare su Castel del Monte tenutosi il 18-19 giugno 2015 presso il Dipartimento di Scienze dell'Ingegneria Civile e dell'Architettura del Politecnico di Bari. Ventiquattro i saggi compresi nel libro vòlti a delineare un quadro complessivo delle vicende storiche e di restauro che hanno interessato il celebre complesso architettonico, mettendo tuttavia particolarmente a fuoco le problematiche idro-geologiche da cui la struttura è stata toccata nel corso della sua secolare vicenda. I saggi sono corredati da un puntuale apparato illustrativo.

€30,00
Disponible pour commander

Cerimonie di laurea nella Roma barocca. Pietro da Cortona e i frontespizi ermetici di Tesi

9788849230260
Roma, Gangemi, 2014. Cm. 24x17, pp. 159, figg. 60 in nero n. t., br.
€24,00
Disponible pour commander

Collezione Savelli. Mosaici minuti romani.

9788849206371
Roma, Gangemi, 2002004. Cm. 22x24, pp. 159, ill. a col. n. t., br.
€40,00
Disponible pour commander

Committenza, collezionismo e mercato dell'arte tra Roma e Bologna nel Seicento. La quadreria di Cristiana Duglioli Angelelli.

8849212181

Roma, 2007. Cm. 29x21, pp. 157, figg. 19 in nero n. t., br.

Il volume descrive, sulla base di inediti documenti, la genesi e la formazione della collezione d'arte della nobildonna bolognese Cristiana Duglioli Angelelli. La quadreria, finora ignorata, si inserisce nel panorama del collezionismo seicentesco romano come un raro esempio di committenza artistica al femminile. La raccolta, nata come completamento di quella del marito, il senatore Andrea Angelelli, assassinato a Bologna nel 1643, e creata in soli cinque anni, dal 1645 al 1650, era composta da opere di importanti artisti, quali Mattia Preti, Bartolomeo Manfredi, Cigoli, Valentin de Boulogne, Guercino, Niccolò Tornioli, Michelangelo Cerquozzi, Giovanni Stanchi, Jan Miel, Michael Sweerts e Alessandro Algardi. In seguito alla morte del consorte, Cristiana Angelelli era fuggita a Roma: ricerche d'archivio hanno consentito di ricostruire la sua vita romana, dall'acquisto del palazzetto in via del Corso all'angolo con via de' Condotti, ai legami di amicizia e parentela con potenti personaggi della corte papale (i Barberini, i Sacchetti, Lorenzo Onofrio Colonna e Olimpia Aldobrandini Pamphilj), fino ai rapporti con gli ambienti artistici vicini all'Arciconfraternita dei Virtuosi del Pantheon, che la nobildonna coltivava tramite il suo maestro di casa, il sacerdote Giovan Carlo Vallone, interessante figura di erudito, esperto di archeologia cristiana e di reliquie sacre. Attraverso l'analisi delle complesse vicende ereditarie, si sono potute rintracciare molte opere della collezione, come la famosa (in quanto appartenuta a Cristina di Svezia) Crocifissione di S. Pietro di Mattia Preti (Grenoble, Musée de peinture et de sculpture) o i quattro dipinti pervenuti alla Pinacoteca Nazionale di Bologna attraverso l'imparentamento con gli Zambeccari: la Madonna, S. Girolamo e S. Stefano di Francesco Albani, il Dedalo e Icaro di Bartolomeo Manfredi, la Ghirlanda di fiori di Giovanni Stanchi e la Ghirlanda di frutti, da attribuire a Michelangelo Cerquozzi.

Prefazione di Silvia Danesi Squarzina.

 

€26,00
Rupture de stock

Dal giardino al museo. Polidoro da Caravaggio nel Casino del Bufalo. Studi e restauro. A cura di Isabella Colucci, Patrizia Masini, Patrizia Miracola.

8849226515

Roma, 2013. Cm. 29x21, pp. 143, ill. a col. e in nero n. t., br.

La pubblicazione di questo libro conclude un lungo viaggio che vede al suo termine il recupero dei dipinti di Polidoro da Caravaggio e Maturino da Firenze che decoravano l'esterno del Casino del Bufalo¬Cancellieri. Un edificio sacrificato nel 1885 per la realizzazione degli assi stradali della città di Roma divenuta Capitale d'Italia. Dipinti strappati e trasferiti su pannelli che devono il loro valore non solo alla qualità dell'opera ma anche alla rarità essendo tra i pochi esempi ancora esistenti delle decorazioni che avevano caratterizzato, nei primi decenni del Cinquecento, le quinte stradali romane popolate di scene ottenute con il chiaroscuro che evocavano, con effetti illusionistici, i preziosi rilievi marmorei dell'antica Roma. Il grave stato di conservazione di questi dipinti richiedeva di mettere in atto un programma con interventi lunghi e impegnativi che è stato reso possibile solo da una stretta collaborazione tra soggetti pubblici e privati che dal 2007 a oggi hanno collaborato per far tornare in vista queste preziose testimonianze.

 

€24,00
Disponible pour commander

Dall'idea alla realtà. I Sabini e il loro museo. Gli scavi archeologici e i reperti di Monte Calvo.

8849211665

Roma, 2006. In-8¡, pp. 78, figg. a col. e in nero n. t., br.
Catalogo della mostra tenutasi a Rieti nel 2006-2007.

€18,00
Disponible pour commander

Del Culto e della Cultura. Archivi biblioteche e Musei ecclesiastici in Italia. A cura dell'Ufficio Nazionale per i Beni Culturali Ecclesiastici della CEI.

8849230680

Roma, 2015. Cm. 21x15, pp. 608, figg. a col. n. t., br.

Il volume costituisce una sorta di vero e proprio manuale in grado di restituire informazioni utili alle ricerche di chi vuole scoprire presenze e contatti di archivi, biblioteche e musei ecclesiastici presenti sul territorio italiano. I siti sono suddivisi per aree regionali.


€22,00
Rupture de stock

Ferrazzi e l'opera perduta di Pomezia 1938-41.

9788849230499
Roma, Gangemi, 2015. Cm. 24x17, pp. 32, figg. in nero n. t., br.
€12,00
Disponible pour commander