You have no items in your shopping cart.

ETS

View as Grid List
Sort by
Display per page

Adolfo Tommasi. L'anima di un archivio e le verità dell'artista. A cura di Francesca Cagianelli. Con Francesca Luseroni.

9788846738127
Pisa, 2014. Cm. 24x17, pp. 287, tavv. e ill. a col. e in nero f. t. e figg. in nero n. t., br.
£43.04
Out of stock

ARTISTI, COMMITTENTI, OPERE E LUOGHI. ARTE E ARCHITETTURA A CREMONA NEGLI ATTI DEI NOTAI (1440-1468). A cura di Valeria Leoni e Monica Visioli. Con la collaborazione di Simone Paglioli e Gianantonio Pisati.

8846736642

Pisa, 2012. Cm. 24x17, pp. 286, br.

Il panorama che si presenta a chi si accosta allo studio dell'arte e dell'architettura cremonesi tra Quattro e Cinquecento mostra da una parte alcune importanti emergenze monumentali e pittoriche, celebrate dalle fonti storiografiche del passato e attentamente indagate dalle piú recenti letture filologico-critiche, e dall'altra vaste zone d'ombra, che limitano ed ostacolano fortemente la ricostruzione del quadro d'insieme.
In parallelo alle analisi critiche e alle ipotesi attributive, un contributo importante per lo studio dell'arte cremonese giunge dalle ricerche documentarie, ed in particolare dall'indagine del fondo Notarile conservato presso l'Archivio di Stato di Cremona, insostituibile miniera di informazioni, resa ancor piú preziosa dalle notevoli lacune che caratterizzano il panorama delle fonti documentarie locali. Il progetto di spoglio sistematico degli atti dei notai operanti in città durante l'età sforzesca, del quale presentiamo ora i primi risultati, fa emergere importanti novità, che consentono di formulare rettifiche e precisazioni rispetto al panorama degli studi e suggeriscono fin da ora nuove prospettive di lettura e di ricerca.

£20.66
Available by ordination

Buongiorno maestro! Aldo Londi, ceramista, scultore, pittore, maestro (1929-2003). A cura di Gino Turchi e Elisabetta Daini.

8846718440

Pisa, 2007. Cm. 29x24, pp. 128, ill. a col. n. t., br.

"Il sodalizio tra Marcello Bitossi, mio padre, e Aldo Londi, detto Chiodo, suo cognato e direttore artistico della Bitossi - dal novembre del 1946 - era un qualcosa che andava aldilà dei rapporti sia familiari che di fabbrica. Marcello aveva trovato in Aldo una simbiosi per il buon gusto, per l'innovazione e per lo stile moderno, un comune sentire che li proiettava in un mondo che allora era poco conosciuto ed apprezzato. Questo sodalizio nacque al di fuori della fabbrica, perché Marcello, durante il matrimonio con Anna, la sorella del Londi, disse a Chiodo "...da domani tu vieni a lavorare in fabbrica". Questo rapporto iniziato alla fine del '46, poi non si è più interrotto.
L'opera di Chiodo non deve essere ricordata solo per le forme, le sculture, i colori. E' necessario invece riflettere su ciò che il Londi ha fatto per trasformare le sue idee originali in qualcosa di realizzabile industrialmente, poiché non ci dobbiamo dimenticare che alla Bitossi (anni '50-'70) erano occupate più di cento persone per le quali era necessario trovare e garantire il lavoro. Ad esempio il Rimini è stata una rivoluzione socio-economica-industriale, cioè l'incisione di un pezzo, su monocromo, rendeva la produzione di questi manufatti alla portata anche dei non provetti ceramisti e quindi era l'unica condizione per rendere produttive le persone che lasciavano i campi per cercare il lavoro in fabbrica, facendoli sentire tutti dei piccoli artisti e contribuire con il loro lavoro alla crescita ed all'espansione di questa Azienda.
Mi ricordo che alla festa dei 50 anni della Bitossi, Chiodo arrivò mascherato con un tabarro e la spada e portò a mio padre un regalo, una enorme medaglia in gesso sulla quale aveva inciso le gioie ed i dolori di mio padre. Da una parte aveva raffigurato la macchina Porsche, grande amore di mio padre, dall'altra una farfalla, poiché la farfalla nel gergo montelupino era sinonimo di cambiale. La cambiale era lo strumento che animava l’economia di quel tempo. Poiché con le cambiali si comprava di tutto, il motto era: "produrre farfalle e pagare farfalle".
Il rapporto che Chiodo ha avuto con Sottsass era quello esistente fra maestro ed allievo. E' noto, anche per ammissione dello stesso Sottsass, come Chiodo gli abbia insegnato, con generosità e senza riserve, a lavorare la ceramica. Londi e Sottsass erano due signori e nello stesso tempo due ragazzi perché possedevano entrambi un grande spirito innovativo, vedevano il futuro, erano sempre pronti a sperimentare cose nuove per trasformare in materia i loro sogni".

brano tratto da un’intervista a Guido Bitossi

£30.13
Out of stock

Chiese siriane del IV secolo.

8862401630

Bari, Edizioni Terra Santa, 2013. Cm. 24x17, pp. 336, figg. a col. e in nero n. t., br.

Il volume indaga, sotto il profilo storico-architettonico il patrimonio che testimonia la prima e capillare diffusione del cristianesimo in Siria, e il contributo fondamentale di Costantino il Grande e del suo celebre editto del 313 d.C. Per ciascuna chiesa presa in esame è stata redatta una scheda dettagliata, che include: la storia, la pianta, la descrizione delle rimanenze in situ, gli eventuali studi precedenti e una bibliografia fondamentale. Il tutto corredato da un ingente apparato iconografico, per lo più inedito.

£31.85
Out of stock

Dis Manibus, pili, epitaffi et altre cose antiche di Giovannantonio Dosio. Il codice N.A. 618 della Biblioteca Nazionale di Firenze.

9788846731203
Pisa, ETS, 2011. Cm. 30x21, pp. 509, figg. in nero n. t., br.
£43.04
In stock

Feste spettacoli e teatro a Pisa nell'età dei Medici e dei Lorena (1588-1798).

8846744357
Pisa, ETS, 2016. Cm. 30x21, pp. 286, figg. in nero n. t., br.

Questo libro colma, finalmente, una lacuna nelle ricostruzioni storiche sul teatro pisano. Avvalendosi di materiale documentario ed iconografico assolutamente inedito, il testo ripercorre gli eventi spettacolari tenutisi a Pisa nel Seicento barocco e nel Settecento illuminista. Un ampio arco cronologico, ricostruito puntualmente, che va dall’età di Ferdinando I dei Medici (1587) ai tempi di Ferdinando II d’Asburgo-Lorena (1798).
Due parti fondamentali compongono la struttura del volume.
La prima introduce al corpo essenziale della ricerca con una carrellata sullo stato di salute del teatro pisano dalle origini fino al Secolo dei Lumi.
La seconda consta di 312 schede documentarie, ordinate cronologicamente, che informano il lettore e gli studiosi specialisti della produzione teatrale delle epoche prese in esame a Pisa. Una catalogazione possibile soprattutto grazie ai libretti a stampa sopravvissuti e qui mostrati ed esaminati per la prima volta.
Il libro è arricchito da inedita iconografia di frontespizi dei libretti più rari, da note con recensioni, cronache di stampa, bibliografiche e microschede con notizie di cantanti, librettisti,  compositori, coreografi, stampatori, soprattutto pisani; e si completa con alcuni indici indispensabili per la pratica consultazione.
Un viaggio che restituisce nomi, voci, immagini a luoghi scomparsi o forse dimenticati – Stanzone delle commedie, Teatro Pubblico, Teatro Prini, Teatrino Ceuli, Teatrino Roncioni, Teatrino della Seta – che costellano una feconda storia teatrale di cui Pisa è stata protagonista.

 

 

£24.10
Out of stock

Feste, spettacoli e teatro a Pisa nell'età dei Medici e dei Lorena (1588-1798).

9788846744357
Pisa, Ets, 2016. Cm. 21x30, pag. 286, fig. in nero, br.
£24.10
Out of stock

Fiesole: esilio di bellezza. Stranieri a Fiesole nei primi anni del '900.

8846739179
Pisa, ETS, 2014. Cm. 26x20, pp. 240, figg. a col. e in nero n. t., br. Con questo volume l'autore ricostruisce l'identità dei “residenti stranieri” a Fiesole dai primi anni del Novecento sino alla vigilia del II° conflitto mondiale e fa rivivere quella particolare, magica atmosfera nella quale si trovarono involontariamente immersi e che spesso li mise in contatto con la folta colonia d’intellettuali, composta dai più ben noti e studiati: Arnold Böcklin, W. O. J. Niuewenkamp, Charles Augustus Strong, Bernard Berenson e Adolf von Hildebrand. La particolare magica atmosfera fiesolana che caratterizzava la vita della cittadina sino alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale fece sì che Fiesole divenisse luogo di riferimento per l’alta società internazionale presente o di passaggio in Toscana e rende, così, comprensibile il ruolo socio-culturale che la cittadina ricopriva sin dal Seicento e che l’aveva fatta assurgere a oggetto di culto tra i grands tourists. Fiesole era ed è inoltre un luogo ricco di opere d’arte, di resti di gloriose civiltà antiche, di tradizioni letterarie e di paesaggi che hanno trovato nell’arte la loro consacrazione.

£25.82
Out of stock

GYPSA. Atti delle Giornate di Studio (Urbino 22-23 marzo 2012). A cura di Maria Elisa Micheli, Anna Santucci.

9788846739469
Pisa, Edizioni ETS, 2014. Cm. 24x17, pp. 187, figg. in nero n. t., br.
£20.66
In stock

Il contributo di Pisa all'Unità d'Italia, 1859-1861.

9788846729293
Pisa, ETS, 2011. Cm. 27x22, pp. 270, figg. in nero n. t., br.Catalogo della mostra tenutasi a Pisa nel 2011.
£21.52
In stock

Il Patrimonio artistico in Italia Centrale dopo il sisma del 2016. A cura di Gerardo De Simone, Emanuele Pellegrini con la collaborazione di Alessandro Delpriori e Fabio Marcelli.

8846747112

Pisa, ETS, 2016. Cm. 21x15, pagg. 128, tavv. 86 in nero f.t., brossura. Numero speciale della rivista PREDELLA Rivista di arti visive n. 12/2015.

£17.22
Available by ordination

La Bibbia di Calci. Un capolavoro della miniatura romanica in Italia. A cura di Severina Russo.

8846740632

Pisa, 2014. Cm. 27x21, pp. 141, tavv. a col. e figg. in nero n. t., br.

La Bibbia di Calci, straordinario codice miniato del XII secolo in quattro volumi di grande formato, sostanzialmente integra, è qui presa in esame ripercorrendone la complessa genesi e la successive vicende storiche. I saggi specialistici ne inquadrano la realizzazione nel conteso culturale del tempo, discrivendo in dettaglio il contenuto dei volumi ed instaurando particolari confronti con le coeve Bibbie atlantiche. Bibliografia, in appendice.

 

 

£17.22
Available by ordination

La galleria in esilio. Il trasferimento delle opere d` arte da Firenze a Palermo a cura del Cavalier Tommaso Puccini (1800-1803).

8846722157

Pisa, ETS, 2008. In-8¡, pp. 175, ill. in nero n. t., br.

£17.22
Available by ordination

La patria in marmo. I monumenti nazionali a Pisa.

29285

Pisa, 2005. In-8¡, pp. 52, figg. a col. e in nero n. t., br.


£6.89
Available by ordination

La Poetica del restauro. Arte architettura e paesaggio. A cura di Roberto Pasqualetti.

8846747006

Pisa, ETS, 2017. Cm. 21x16, pagg. 79, ill. a colori n.t., brossura.

£8.61
Available by ordination

La via della dottrina. Le lezioni accademiche di Benedetto Varchi.

8846733375

Pisa, 2012. Cm. 22x14, pp. 455, br.

Negli anni Quaranta del Cinquecento la proposta bembiana di un classicismo prevalentemente linguistico e retorico incontra vari ostacoli nel mutato clima culturale: l'orizzonte filosofico aristotelico, con le nascenti poetiche intese a teorizzare l'autonomia della poesia, le resistenze locali a una letteratura non municipale e le nostalgie per il primato delle lingue antiche rischiano di mettere in crisi l'affermazione del classicismo volgare. Benedetto Varchi, nelle sue lezioni su Petrarca e Dante, persegue il progetto di una letteratura classicistica che integri l'aspetto retorico con una forte componente filosofica, ribadisce con forza il valore etico della poesia nella formazione del cittadino e contrappone una visione aperta della prassi intellettuale alle posizioni elitarie dei circoli umanistici. Attraverso uno scavo documentario che ricostruisce la cronologia delle lezioni e porta alla luce le manipolazioni testuali e i fraintendimenti che hanno subito, questo libro segue le complicate dinamiche degli ambienti legati all'Accademia Fiorentina e alla corte ducale. Ne esce un ritratto di intellettuale impegnato in una battaglia culturale che lo vide sempre in prima linea, nonostante le ripetute difficoltà personali alle quali andò incontro.

 

 

£30.13
Available by ordination

L'Immagine del Volto Santo di Lucca. Il successo europeo di un'iconografia medievale.

9788846745767
Pisa, Edizioni ETS, 2016. Cm. 24x17, pagg. 235, figg. in nero n.t. e 32 tavole a colori f.t., brossura.
£21.52
Out of stock

Naturamque Novat. Simboli e significati delle medaglie di Galileo.

9788846736994
Pisa, ETS, 2013. Cm. 21x14, pp. 64, tavv. 12 in nero f. t., br.
£8.61
In stock

Pittura e collezionismo a Pisa nel Seicento.

8846703965

Pisa, 2001. Cm. , pp. 278, tavv. 8 a col. e figg. 44 in nero f. t., br.

L’ambiente artistico pisano della prima metà del Seicento è ripercorso in questo volume, nel quale, sulla scorta di nuove scoperte documentarie e di molti dipinti inediti viene ricostruita un'importante fase della storia artistica della città che dal 1560 al 1660 fu al centro di un'intensa produzione figurativa grazie all'attività di botteghe locali a conduzione familiare.
Ripercorrendo con documenti inediti le fitte vicende pittoriche del periodo, il volume pone in risalto il vivace rapporto che strinse il collezionismo cittadino con la produzione locale ed il legame  che si stabilì tra la città toscana e Roma.
Il volume infine analizza l'attività di pittori finora poco noti come Pietro Ciafferi, Domenico Salvi, Giovanni Stefano Maruscelli, Clemente Bocciardo, Girolamo Riminaldi e i riscoperti Cipriano Melani e Pier Francesco Varchesi, per ciascuno dei quali sono tracciati i profili biografici e delineata la produzione.

£25.82
Available by ordination

Predella 7 2013. Le banquet de la Renaissance: images et usages. Sous la direction de Diane H. Bodart et Valérie Boudier.

8846740762

Pisa, 2013. Cm. 21x15, pp. 183, figg. a col. e in nero f. t., br.

I saggi qui raccolti si incentrano sull'iconografia e sulla ritualità dei banchetti nel mondo delle corti europee cinquecentesche; in particolare quelle che vedono protagoniste i Medici, gli Asburgo, i Valois, i Gonzaga. Alcuni scritti sono inoltre dedicati all'uso della maiolica nel corso dei conviti, all'immagine del banchetto nel cinema, all'iconografia bassanesca della parabola di Lazzaro e il ricco Epulone.

 

£17.22
Available by ordination

Predella Rivista di Arti Visive. N. 9/2014: The Survival of the Trecento in the Fifteenth Century. Edited by Louise Bourdua.

8846744272

Pisa, ETS, 2015. Cm. 21x15, pagg. 128, centinaia di figg. in nero e a col. in 65 tavv. f.t., brossura.

Saggi di Zuleika Murat sul primo Rinascimento a Padova e la Cappella Ovetari.

Paolo di Simone sulle postille al tema degli Uomini Illustri e sulla pittura profana.

Fabio Massaccesi su Giovanni da Modena

Joanne Anderson sulla Maria Maddalena e l'immagine della redenzione nel Tirolo del '400

Gerardo de Simone sull'uso delle fonti trecentesche in Antoniazzo Romano e Lorenzo da Viterbo

Gabriele Fattorini su Sano di Pietro e Simone Martini

 

£17.22
In stock

Roberto Longhi. Frammenti di maschere. A cura di Neville Rowley.

8846745781

Pisa, ETS, 2016. Cm. 21x15, pagg. 159, tavv. 26 in nero e a col. f.t., brossura. Numero speciale della rivista PREDELLA dedicato a Roberto Longhi ed ai suoi studi sull'arte. Predella. Rivista di arti visive, monografie n. 10/2014.

£17.22
Available by ordination

Virgilio Marchi. Lo stile del movimento dal dinamismo plastico all'architettura lirica 1895-1960. A cura di Francesca Cagianelli. Testi di: Francesca Cagianelli, Milva Giacomelli, Marco Sisi.

9788846742568
Pisa, Edizioni Ets, 2015. Cm. 27x21, pp. 127, tavv. e ill. a col. e in nero n. t., br. Catalogo della mostra: Collesalvetti, Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, 2015.
£24.10
In stock