Sie haben keine Artikel im Korb.

Carocci

Anzeige Tabelle Liste
Anzeigen nach
Anzeige pro Seite

Archeologia classica. Il ritratto.

8843074846

Roma, 2015. Cm. 24x17, pp. 243, tavv. 16 a col. f. t. e figg. in nero n. t., br.

Il volume è dedicato al ritratto greco, etrusco e romano nel periodo compreso tra il VII secolo a.C. e il IV d.C. Le tipologie elaborate dalle diverse civiltà sono presentate in modo sincronico, così da favorire il confronto tra modelli coevi e aiutare il lettore a riconoscere i punti di contatto, i rimandi intenzionali o le cesure fra le diverse tradizioni figurative. Delle effigi di pensatori, politici, dinasti del mondo greco e degli imperatori romani, comprese quelle di recente scoperta, si discutono i problemi di identificazione e cronologia, le scelte stilistiche e iconografi che, le simbologie. Ai ritratti di nomi illustri si affiancano quelli di privati cittadini e persino di sconosciuti, di cui sopravvive solo l’immagine. Una sezione è interamente dedicata ai volti femminili e all'evoluzione del gusto nelle acconciature. Nell'analisi delle singole opere si tiene conto, quando possibile, delle esigenze dei committenti e dei contesti di provenienza, sia pubblici che privati. Tre ampie appendici sono rispettivamente dedicate alle formule “abbreviate” di ritratto, come le erme e i busti, alle effigi monetali e in materiali rari, compresi i metalli preziosi, e ai principali criteri, di carattere tecnico e iconografico, adottati dagli studiosi per la datazione di un ritratto romano.

$23.08
Available on request, contact us.

ARTE CONTEMPORANEA E TECNICHE. Materiali, procedimenti, sperimentazioni.

8843042036

Roma, 2016. Cm. 22x15, pp. 313, figg. in nero n. t., br.

Ogni opera d’arte è composta da materiali in cui si trasferiscono le idee e si incorporano le immagini, attraverso specifici procedimenti esecutivi. Le scelte degli artisti e gli stimoli della cultura industriale e postindustriale hanno portato, dall’inizio del secolo XX e fino ai nostri giorni, profondi cambiamenti nei metodi e nelle materie, contribuendo a mutare la configurazione e la nozione stessa di opera: da statica ad animata, da unicum a ripetibile, da compiuta a instabile ed effimera, da immodificabile a processuale e manipolabile, da oggetto di contemplazione a oggetto di partecipazione. Tanto che non si può comprendere la storia dell’arte contemporanea senza riflettere sulle invenzioni tecniche che l’attraversano, via via modificandosi in molteplici diramazioni. Il libro ripercorre i momenti più importanti di questa storia, addentrandosi nelle vicende e nelle esperienze del rapporto tra arte e tecnica, e indicando a studenti e studiosi una serie di percorsi e interpretazioni.

 

$26.93
Available on request, contact us.

Arte contemporanea: dall`Espressionismo astratto alla Pop Art.

8843055098

Roma, Carocci, 2011. Cm. 21x13, pp. 182, ill. 56 a col. f. t. e figg. in nero n. t., br.

Il libro descrive la nascita e l'affermazione dell'Espressionismo Astratto americano americano, del Neo-Dada e poi dell'arte pop, e, parallelamente, osserva i drammatici eventi artistici e culturali dell'arte europea nel secondo dopoguerra.

$19.78
Nicht am Lager

Arte e politica nella cultura dei Lumi. Diderot, Rousseau e la critica dell'antico regime artistico.

8843084999

Roma, 2016. Cm. 22x15, pp. 392, figg. in nero n. t., br.

Nella Parigi di metà Settecento gli enciclopedisti lanciarono una campagna per una radicale ridefinizione della dimensione pubblica di tutte le arti «di immaginazione». Prima la musica – con laquerelle des bouffons – e poi il teatro; subito dopo i romanzi. Ultimo, arrivò il turno delle arti visive. Il loro intento era mettere a nudo la correlazione tra i pregiudizi e le gerarchie del sistema politico e sociale del loro tempo e quelle che d’Alembert chiama le «superstizioni letterarie». Il volume ricostruisce il ruolo di Diderot e di Rousseau in una disputa che fu prima di tutto politica, e solo in seconda istanza artistica, teatrale, letteraria. E questo benché ruotasse interamente sulla pittura, la musica, il dramma, il romanzo.

 

$39.57
Available on request, contact us.

Arte e scienza dell'incisione. Da Maso Finiguerra a Picasso.

8843016946
Roma, Carocci, 2008. Cm. , pp. 401, ill. 50 in nero n. t., br. Insieme alla stampa tipografica, cui è legata da comuni origini e da analoghe funzioni e destinazione, l’incisione, o stampa calcografica, è prodotto tipico dell’età moderna. Rispondendo ad esigenze quali l’informaizone, la divulgazione e l’illustrazione, rappresenta spesso una testimonianza viva e diretta, talché non v’è oggi settore di ricerca in campo storico, umanistico e scientifico che possa prescindere dalla sua preziosa documentazione. L’incisione non rappresenta pertanto una pratica artigianale di supporto, un surrogato della pittura, ma, si potrebbe dire, la coscienza storica e pratica dell’arte. La necessità di ovviare alla mancanza di un generale discorso storico-critico o, quanto meno, di precisa e aggiornata informazione, ha indotto a riproporre tale argomento, divenuto oggi materia di esame di una specifica disciplina universitaria, in una trattazione sufficientemente ampia e articolata che possa servire da base e da guida didattica per lo studio della storia dell’incisione in Italia.

$47.81
Nicht am Lager

Artisti si diventa.

8843017843

Roma, 2016. Cm. 21x13, pp. 239, br.

$15.39
Available on request, contact us.

Breve storia di Bisanzio.

8843081974

Roma, 2016. Cm. 21x13, pp. 211, figg. in nero n. t., br.

Con il suo forte melting pot etnico e linguistico, l’esotismo dei suoi costumi e il complesso cerimoniale della corte di Costantinopoli, il mondo bizantino esercita un indubbio fascino sulla società contemporanea, ma una sua analisi superficiale può dar luogo a molti fraintendimenti. Questo libro non contiene una narrazione dettagliata delle vicende dell’impero bizantino (324-1453), ma mette in primo piano i caratteri originali e, nei limiti del possibile, i momenti chiave della sua lunga storia, per suscitare nel lettore curiosità e interesse nei confronti di Bisanzio: una curiosità che lo conduca ad approfondire ulteriormente almeno alcuni dei molteplici aspetti appassionanti e ricchi di seduzione della grande civiltà bizantina.

 

$17.59
Available on request, contact us.

Cesare Brandi e la Regia Pinacoteca di Siena. Museologia e storia dell'arte negli Anni Trenta.

9788843086733
Roma, Carocci, 2017. Cm. 22x15, pagg. 200, ill. in nero n.t., brossura
$23.08
Nicht am Lager

Città italiane, storie di lingue e culture. A cura di Pietro Trifone.

8843075225

Roma, 2015. Cm. 22x15, pp. 439, br.

L’Italia delle cento città merita un disegno della propria esperienza linguistica fondato sulla prospettiva urbana, nel solco di una storiografia consapevole dell’antico e perdurante policentrismo nazionale. Proprio nelle città, più che nelle regioni, tale realtà multiforme trova i suoi maggiori punti di gravitazione, i più vivaci agenti dinamici, l’inesauribile fucina delle vecchie e nuove identità. Tratteggiando le vicende di sette grandi poli urbani – Torino, Milano, Venezia, Firenze, Roma, Napoli, Palermo –, il libro intende valorizzare il ruolo svolto dalle città nella storia linguistica italiana.

$38.47
Available on request, contact us.

Commercianti a Firenze. Identità e cambiamento nel quartiere di San Lorenzo.

8843082285

Roma, 2016. Cm. 22x15, pp. 213, figg. a col. e in nero n. t., br.

Il volume prende in esame la complessità della vita moderna in una dinamica città italiana. Radicata nella ricerca sul campo, l’analisi si avvale delle metodologie dell’osservazione partecipante e di interviste agli attori in gioco, concentrandosi su San Lorenzo, un quartiere al contempo fiorentino e multietnico, celebre fin dall’antichità per il commercio, oltre che per il forte sentimento identitario dei propri abitanti. Il volume esplora le pratiche e le motivazioni dei nuovi venditori nel mercato rionale, la maggior parte immigrati da paesi stranieri; mostra come esse spesso si trovino in conflitto con le consolidate abitudini degli ambulanti storici. E ne esamina l’impatto sulle relazioni interpersonali nella zona. La ricerca guarda al turismo come a un catalizzatore nei processi di globalizzazione e si rivolge ai corsi di introduzione alle scienze sociali e a chiunque si interessi di antropologia, sociologia e studi urbani.

 

$24.18
Available on request, contact us.

Comprare per credere. La pubblicità in Italia dalla Belle Epoque a oggi.

8843080502

Roma, 2016. Cm. 21x13, pp. 177, figg. 13 a col. e in nero f. t., br.

Dalle riviste alla televisione, dalla radio allo smartphone: ovunque pubblicità. Ma qual è la storia della pubblicità in Italia? Che ruolo ha svolto dalla Belle Époque alla Prima guerra mondiale, negli anni del fascismo e del “miracolo economico”, e poi nella fase che dalla prima crisi petrolifera ci ha portato sino a oggi? Il libro offre una sintetica e agile risposta a queste domande attraverso l’analisi delle principali campagne pubblicitarie, dei loro autori, dei prodotti che ne sono derivati e dell’impatto che hanno avuto sulla società. Sulla base di una ricca documentazione largamente inedita, il volume esamina la traiettoria del fenomeno pubblicitario nell’arco del Novecento e rilegge gli snodi centrali della storia d’Italia da una nuova prospettiva storiografica, che tiene conto dei cambiamenti sociali, economici e culturali di maggior portata.

 

$18.68
Available on request, contact us.

Dal Neoclassicismo al Romanticismo.

8843035250

Roma, 2006. Cm. , pp. 775, br.

Il volume esamina la letteratura artistica nell’età compresa tra il 1740 e il 1820. Mentre l’Europa e l’America subiscono profonde trasformazioni politiche, sociali ed economiche, accompagnate da rivoluzioni e guerre, che si concludono con la Restaurazione, in campo artistico maturano novità dense di sviluppi: sul piano della riflessione filosofica l’estetica si definisce come disciplina autonoma; s’afferma una storia dell’arte che classifica la produzione artistica in base a categorie stilistiche e scuole regionali; il sistema accademico è sottoposto a una critica sempre più corrosiva, che ne favorirà il rinnovamento nell’Ottocento; nascono i primi musei pubblici e si fa avanti una nuova coscienza del patrimonio artistico; s’assiste a un ampliamento del pubblico, al delinearsi di un più autonomo ruolo sociale dell’artista e allo sviluppo di una moderna critica d’arte. Con l’imporsi, partire dall’Inghilterra, della Rivoluzione industriale, si registrano i primi tentativi di integrazione dell’artista nei nuovi sistemi di produzione. Ma si scatenano anche reazioni contrarie: si rivendica l’irriducibile alterità dell’arte rispetto alla società moderna, cercando una rigenerazione in un passato identificato, di volta in volta, con l’antichità classica o il Medioevo; un atteggiamento che può volgersi ancor più indietro, risalendo al ’primitivo’. Di questi e altri temi il libro intende dar conto in modo articolato e approfondito, attraverso una ricca antologia di testi, suddivisi in tredici sezioni tematiche, ciascuna accompagnata da un saggio introduttivo. I brani antologici sono stati scelti in modo da alternare alle voci dei protagonisti più noti, quelle di personaggi più oscuri e defilati, ma non meno significativi ai fini di una ricostruzione della cultura dell’epoca, che ne rifletta le molteplici e anche contraddittorie sfaccettature.

$48.03
Nicht am Lager

Dante e la tradizione giuridica.

8843077915

Roma, 2016. Cm. 22x15, pp. 206, figg. a col. e in nero n. t., br.

Il volume affronta un tema ancora poco studiato nella pur sterminata bibliografia dantesca: le conoscenze giuridiche del Poeta e la loro presenza nella sua opera, in particolare nella Commedia. Non vi è dubbio, infatti, che il fitto intreccio tra sapere giuridico, teologico e filosofico sia il milieu culturale in cui nasce la Commedia e tanta poesia romanza delle origini; ma mentre gli ultimi due aspetti sono stati largamente indagati, quello dei riferimenti giuridici danteschi ha incominciato solo da poco a essere oggetto di ricerche approfondite. I saggi qui riuniti offrono una originale rilettura di Dante e della sua opera alla luce della tradizione giuridica antica e medievale, da Cicerone (cui è dedicata tutta una parte del libro) a Bartolo di Sassoferrato, senza trascurare la sua ricezione presso i commentatori antichi e nell'arte figurativa.

 

$31.87
Available on request, contact us.

Duomo di Siena 1300. Affreschi, policromie, apparati: un network di immagini.

8843081554
Roma, Carocci, 2017. Cm. 25x17, pagg. 96, figg. 28 a col. in tavole f.t., brossura. Numero monografico della rivista RICERCHE DI STORIA DELL'ARTE dedicato al duomo di Siena nel Trecento, con tre articoli "fuori tema" dedicati aghli affreschi della basilica inferiore di Assisi, due attribuzioni leonardesche, una tavola di Pulzone prima Medici poi Barberini. Saggi di Cervini, Samassa, Andrea De Marchi, Fattorini, Simone, De Grisogono, Barilli, Andrea G. De Marchi. "Ricerche di Storia dell'arte" n. 120/2016.

$50.56
Available on request, contact us.

Eleganza fascista. La moda dagli anni Venti alla fine della guerra.

9788843086221
Roma, Carocci, 2017. Cm. 22x15, pagg. 211, numerose ill. in nero e a colori n.t., brossura.
$27.48
Am Lager

Francesco d'Assisi, il mercante del regno.

8843076550

Roma, 2015. Cm. 22x15, pp. 271, br.

Il libro non rivoluziona la storiografia su Francesco d’Assisi, che è molto vasta e diversificata, né propone ribaltamenti interpretativi. Non è però conciliante con la tendenza di appiattire Francesco sulle posizioni del papato del suo tempo, né con una lettura delle fonti che - rifiutando un metodo critico elaborato in oltre un secolo - escluda una gerarchia fra di esse. Gli storici sono d’accordo che, per vagliare l’attendibilità dei biografi medievali di Francesco, i suoi scritti siano una “pietra di paragone”; tra questi il più utilizzato è il testamento, e lo è ampiamente anche in questo volume. Ma, accanto ad esso, sono presentate altre opere del frate di Assisi per evidenziarne la personalità e per verificare anche su di esse quanto scrissero gli agiografi.

$23.08
Available on request, contact us.

I marmi nella Roma antica.

8843070268

Roma, 2013. Cm. 24x17, pp. 710, tavv. 24 a col. f. t. e figg. a col. e in nero n. t., br.

Il volume tratta del fenomeno del marmo a Roma e nell'Impero romano, di cui segue l'uso e i significati ideologici e di prestigio ad esso connessi attraverso una ben documentata  esemplificazione di monumenti marmorizzati, rappresentativi del potere imperiale e delle classi dirigenti. Per la comprensione di tale fenomeno vengono altresì illustrati l'organizzazione delle cave statali con i relativi sistemi di appalto ricostruiti attraverso le sigle sui blocchi, il trasporto dei marmi testimoniato dai carichi naufragati nel Mediterraneo e nel Mar Nero e, infine, i grandi depositi di Roma ai piedi dell'Aventino (Marmorata) e di Porto, dove sono stati rinvenuti centinaia di blocchi di cava non ancora utilizzati. Fondamentale è anche la ricostruzione che qui si offre delle officine specializzate nella lavorazione dei manufatti marmorei, attive sia presso le cave, sia nelle città con economia basata sul marmo (Atene, Afrodisia), sia nelle grandi capitali imperiali presso cui si erano formate maestranze dedite alla scultura di statue, di sarcofagi, di arredi domestici e alla produzione di lastre marmoree per i rivestimenti parietali e pavimentali. Il volume è arricchito da appendici che raccolgono specifici documenti archeologici e letterari e da indici delle fonti antiche, delle iscrizioni, delle località e delle cose notevoli.

 

$108.81
Nicht am Lager

I marmi Reksten e il collezionismo europeo di antichità tra XVII e XIX secolo.

9788843027361
Roma, Carocci, 2003. In-8¡, pp. 142, figg. 52 in nero n. t., br.
$18.68
Am Lager

I paesaggi dell'Italia medievale.

8843077755

Roma, 2015. Cm. 22x15, pp. 274, br.

Castelli e chiese, città e villaggi, boschi e campi, foreste dei re e beni comuni: il filo rosso che consente di orientarsi nei mille volti del Medioevo è costituito dalla capacità dell’uomo di popolare lo spazio e di costruire paesaggi pensati su misura per le collettività, rurali e cittadine, che abitano nei territori locali. I molteplici paesaggi dell’Italia medievale – nei differenti contesti regionali, dal Nord al Sud della Penisola – sono oggetto di una continua trasformazione. Dalla caduta dell’Impero romano d’Occidente, quando l’eredità di Roma e dell’Antichità risulta ancora ben visibile, passando per l’età dei comuni urbani, che modellano non solo la città, ma anche le campagne, imprimendovi l’immagine del governo collettivo, fino agli ultimi complessi secoli del Medioevo, segnati dal calo demografico dovuto alla peste nera (1348), in cui si affermano nuove gerarchie insediative e nuove colture: lungo un percorso millenario di cambiamento si disegna un volto inedito per le città e le campagne della Penisola. Nei paesaggi che il Medioevo consegna ai secoli successivi già si possono leggere molti degli elementi che ancora oggi caratterizzano il mondo in cui viviamo.

$24.18
Available on request, contact us.

Icone d'Impresa. Gli oggetti che hanno fatto grande l'industria italiana.

8843084609

Roma, 2016. Cm. 22x15, pp. 253, ill. a col. e in nero n. t., br.

Gli oggetti d'impresa hanno fatto la nostra storia, plasmato l'immaginario, segnato un progresso tecnologico o accompagnato una storia d'amore. Utili e belli, ben disegnati. Potenti e misteriosi, sono figli dell'industria, di grandi visioni, di piccoli traguardi, e di tante invenzioni. Raccontano la creatività e l'ingegno italiani, che hanno dato forma al nostro futuro. Sono anche nei musei, ma si possono toccare. Please, touch!

 

 

$26.38
Nicht am Lager

Il banchetto e le sue rappresentazioni.. Analisi di un topos artistico e letterario.

8843086054

Roma, Carocci, 2016. Cm. 22x15, pagg. 109, brossura.

$14.29
Available on request, contact us.

Il cibo e la storia: il Medioevo europeo.

8843080498

Roma, 2016. Cm. 21x13, pp. 173, br.

Tra la caduta dell’Impero romano d’Occidente e la scoperta dell’America intercorrono più di mille anni. In quel tempo lunghissimo le culture alimentari europee, dapprima distanti, inaugurano e sviluppano un dialogo destinato a trasformarle. Grazie alla circolazione di uomini, prodotti, parole e idee, il nostro continente raggiunge una sostanziale unità. Il libro propone un percorso tra ingredienti e ricette, usi e scelte, che vede coinvolti sovrani e contadini, personaggi altolocati – nobili, ambasciatori, vescovi e papi –, scienziati e uomini di cultura, cuochi e artigiani, semplici individui, donne (poche, in realtà), in altre parole la società nel suo insieme. Il cibo, voluto o negato, cercato o rifiutato, universale o locale, costituisce una chiave di lettura del lento processo verso la costruzione di un’Europa culturalmente unita.

$15.39
Available on request, contact us.